Scoprire l'Italia

I Forti della Grande Guerra

I Forti della Grande Guerra
Vota la destinazione

L'escursione

Bell’itinerario che parte dietro l’ex ospizio San Bartolomeo al Passo del Tonale.

Si parcheggia alla Mirandola (da provare la cucina) e si inizia il sentiero bianco in piano fino al primo bivio. A sinistra si sale verso la Malga Valbiolo, a dritto si inizia il percorso dei forti.

Si procede su strada praticamente piana per circa 20 minuti, poi si prende un bivio per la collina e si inizia a salire leggermente su di un sentiero attraverso i pascoli. Qui è facilissimo incontrare molte mucche.

Si prosegue su questa strada per circa 40 minuti / 1 ora a seconda del ritmo, il tutto con le dolomiti sulla destra e i verdi pascoli sulla sinistra.

Si entra nel bosco e poco dopo si trova la deviazione per il forte Zaccarana. Qui c’è da salire qualche scalino ma è forse l’unico tratto realmente ripido che si incontra.

 

Al forte la vista è stupenda, l’imponente costruzione di pietra (visitabile con guida) si lascia ammirare in un silenzio irreale. Qui troviamo alcun tavoli da pic-nic per una breve sosta.

 

Si prosegue seguendo le indicazioni per il Forte mero e si raggiunge un bivio dove, imboccando la strada in salita, in circa 3 ore si può raggiungere la città morta. Si prosegue sulla nostra strada e si inizia una discesa che ci accompagnerà fino all’area del Forte Mero. Qui iniziamo il percorso di ritorno dove torniamo a salire fino a raggiungere di nuovo l’ex ospizio San Bartalomeo.

Durante il percorso si alternano ambienti aperti, bosco e prati. L’anello completo è percorribile in circa 3h e mezza.

Commenti

commenti